“L’angelo di Monaco” Fabiano Massimi Longanesi Editore

“Spesso, nella loro eterna ignoranza delle cose, gli uomini chiamano fine ciò che in realtà è solo l’inizio.”

Siegfried Sauer, commissario criminale della polizia, non si arrende all’idea che la giovane Geli Raubal si sia suicidata.

Ambientato nella Germania degli anni 30, “L’angelo di Monaco”, pubblicato da “Longanesi Editore”, ricostruisce con lucidità e competenza un periodo storico complesso.

Già nell’aria si respira l’atmosfera tesa che come il Föhn, “vento caldo” si insinua con prepotenza nelle strade.

Pochi dettagli fermano l’obiettivo sulla scena del crimine nella casa di un noto personaggio, il tutore legale della morta.

È lui, Adolf Hitler e nella mente del lettore passano veloci troppe immagini.

Ma il romanzo nella concatenazione di nuovi eventi impedisce ogni possibile distrazione.

La narrazione è incalzante, come se la ricerca della verità potesse riscrivere la Storia.

“C’è chi è fatto per la realtà,  e chi è fatto per la finzione”.

Tante le frasi chiave sulle quali fermarsi a riflettere.

È evidente la dicotomia tra ciò che è vero e ciò che viene celato.

Ed è il nascondimento un tema dominante, allegoria di tutti i tempi se non si ha il coraggio di scoperchiare i buchi neri, invasi dalle sterpaglie della menzogna.

Fabiano Massimi nel cimentarsi con il poliziesco non solo offre una struttura narrativa impeccabile.

Sceglie le pause, le accelerazioni, introduce nuovi personaggi, moventi e prove.

Ricostruisce con abilità la personalità della vittima e nel farlo abbassa i riflettori, scherma le luci abbaglianti.

“La Repubblica ha davvero i giorni contati.”

Non mancano i passaggi necessari per coniugare poliziesco a testimonianza.

Un incedere sicuro, dove niente è fuori posto.

“I burattini migliori non seguono la volontà di chi li manovra, ma la anticipano.”

Troppi manichini si muovono spavaldi ma “anche gli sconfitti, prima o poi, trovano voce”.