Agenda Letteraria del 6 gennaio 2020

 

“Eliminata ogni forma di intermediazione, l’individuo si trova solo di fronte alle sue scelte e poiché non ha piú alcun sentimento di appartenenza, si sente libero da ogni vincolo sociale, senza alcun diritto o dovere che lo leghi agli altri.

Il sentimento “politico” si trasforma in rancore e il voto diventa il rifugio del disagio e delle pretese privatistiche.

Uno sfogo piú che una scelta.

Il rifiuto della politica diventa anche rifiuto del sistema e del modello democratico.

Un rituale di ribellione, appunto.”

 

Marco Aime”Classificare, separare, escludere Razzismi e identità” Einaudi

2 thoughts on “Agenda Letteraria del 6 gennaio 2020

  1. “Bestia strana il razzismo, facilmente identificabile, ma altrettanto sfuggente nel suo essere multiforme”

  2. Il voto invece di essere scelta e speranza è espressione di disagio. Una storia che si spiegherà nelle pagine del libro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.