“Inventario di un cuore in allarme” Lorenzo Marone Einaudi Stile Libero

“Ho deciso di parlare di ipocondria, del mio rapporto con una fobia che mi toglie il fiato ogni giorno, perché penso che condividere le paure possa servire a destabilizzarle.”

Lorenzo Marone in “Inventario di un cuore in allarme”, pubblicato da Einaudi Stile Libero non ha timore nel mostrare le proprie fragilità.

Guardarsi allo specchio ed avere il coraggio di affrontare quella parte di sé indesiderata, fastidiosa, invadente.

“Questo non è un testo scientifico, perciò, se in quel che scrivo dovesse esserci qualcosa che non vi convince, coltivate il dubbio e mettetevi anche voi alla ricerca della verità, sempre che esista”.

Un gioco di società dove ognuno ha per pedine le proprie inquietudini, cambiano i nomi, i colori, le disposizioni sullo scacchiere improvvisato ma il punto di arrivo per vincere la partita è molto simile.

Non ci si sente soli e in questa solidarietà ritrovata si percepisce un bisogno celato, al quale l’autore riesce a dare una precisa collocazione.

Chiama per nome il disagio, si diverte a studiarne la sintomatologia, a cercare cause antropologiche e scientifiche.

“Siamo figli della Teoria del caos, secondo la quale ogni cosa è imprevedibile, imponderata, casuale.”

C’è una costante alternanza di vuoto e pieno, di fughe e ritorni nel tentativo di afferrare il senso del malessere interiore.

Il rapporto di coppia, la relazione con il figlio, il dialogo con Dio, l’incontro con il terapeuta: una visione introspettiva che sa associare il sorriso all’emozione.

I rimandi filosofici interconnessi alla trama costruiscono un testo completo dove l’esperienza personale si fonde con la ricerca intellettuale.

Leggendo con affanno, proprio perché  il processo di identificazione è forte, ci si sente confortati.

“Abbiamo bisogno di gusto, di garbo, di capacità di ascolto, di tenerezza”.

Grazie Lorenzo per averci accompagnati all’interno delle nostre ossessioni, di averlo fatto con rispetto e amore e di averci fatto intravedere una piccola luce.