“Il Colibrì” Veronesi La Nave di Teseo Recensione di Daria Ubaldeschi

Daria Ubaldeschi
@dariauba

Un romanzo sliding doors
Tutto può accadere nel romanzo di Veronesi, e tutto accade, o sembra accadere, ma poi si scopre che non è così, che ciò che pervade ogni riga senza soluzione di continuità è la sensazione del “cosa sarebbe accaduto se…”.

Un romanzo fatto di possibilità che i protagonisti, uno su tutti Marco Carrera, il protagonista, bene incarnano nelle loro inquietudini interiori.

E’anche il libro dell’inquietudine di quelli che l’autore chiama “gli irregolari”, che siamo tutti noi, perché gli eventi sono a volte così assurdi e sinistri da non poter che essere reali.

Veronesi ha capacità di scrittura non comuni, è diretto e coinvolgente, riesce a scrivere sette pagine senza mettere neppure un punto e la lettura che ne fuoriesce è musicale.

Non è da tutti, la sua è una scrittura onesta e perciò senza giustificazioni.

Terribile per certi versi questa storia che ti mostra quasi senza pietà quanto noi non conosciamo delle persone che più abbiamo vicine.

E nessuno si salva se non “mettendosi la mascherina”, sapendo essere insolente nei confronti del proprio destino, questa sembra essere la chiave di un testo che scorre dalla prima all’ultima pagina, che merita di essere letto per la genuinità della storia e la fragilità degli esseri umani che la costruiscono.

O forse, non proprio fino all’ultima, direi quasi, perché, e ancora non me lo spiego, alla fine Veronesi sembra avere una caduta di stile in un finale un po’ hollywoodiano, di riappacificazione (con sé, con gli altri, con la storia?) attraverso un momento catartico che neppure lo psicoanalista Carradori, pur nella sua estrema fallibilità, avrebbe approvato.

One thought on ““Il Colibrì” Veronesi La Nave di Teseo Recensione di Daria Ubaldeschi

  1. Concordo con la recensione, scrittura molto accattivante e coinvolgente, forse fa eccezione, secondo me, il troppo lungo inventario della casa dei genitori. Il finale è davvero scadente, io non trovo parole per mitigare questo verdetto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.