“La favolosa storia delle verdure” Évelyne Bloch Dano Add Editore

 

“Il cibo è ciò che ci mantiene in vita, ma è anche quello che ci lega all’ambiente circostante, alla nostra storia, alla nostra epoca, al nostro status sociale: agli altri.”

“La favolosa storia delle verdure”, pubblicato da Add Editore, è un viaggio culturale ricco di aneddoti e citazioni.

Ci permette di “passare da un orto a una poesia, da un quadro a un’ortolana.”

Incrociando sapori passiamo dallo spazio collettivo a quello intimo, dove emergono preziosi ricordi d’infanzia.

Scopriamo che Freud amava i carciofi, che la zuppa di cavoli è citata da Zola in “Ventre di Parigi”, che le prime tracce dei piselli risalgono al Neolitico.

Già dal III secolo a. Cr. si conosce il cardo, mentre la pastinaca è citata da Plinio il Vecchio.

Si va delineando una mappa geografica che attraverso lo studio dell’alimentazione analizza usi e costumi, abitudini e differenze sociali.

Évelyne Bloch Dano elabora un testo che sa coniugare arte, letteratura, storia, antropologia.

Mostra la relazione tra ortaggio e incontro di civiltà, studia l’evoluzione del gusto, arricchisce il testo con ricette appetitose e semplici.

Ricostruisce valori simbolici e evoca racconti dell’infanzia.

Aggiunge una guida botanica sottolineando l’importanza della famiglia e della specie.

Un libro colto adatto a tutti dove anche i vegetali “sin dell’alba dei tempi rappresentano forse l’incontro più fecondo tra natura e cultura.”

 

2 thoughts on ““La favolosa storia delle verdure” Évelyne Bloch Dano Add Editore

  1. Anche il cibo è cultura.
    E’ passaggio per entrare nei ricordi è legame con l’ambiente in cui viviamo.
    E’ conoscenza di usi e costumi di altri popoli.
    Una bellissima presentazione, per un libro da leggere anche per conoscerci meglio
    Grazie Maria Anna, sempre attenta nelle scelte, e…infaticabile

  2. Il cibo che ci ragala la natura da sempre ha fatto parte della storia degli uomini fornendo prezioso sostentamento. Interessante recensione su cibo e gusto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.