Agenda Letteraria del 14 aprile 2020

 

“Era stata bella, mia madre, e troppo cosciente di esserlo.

Niente ai suoi occhi contava più della sua persona e degli omaggi che le venivano tributati. Avrebbe potuto, diceva, avere una vita differente – e s’inventava una seconda vita con un secondo matrimonio.

Ma quand’era rimasta vedova aveva passato i cinquanta e la sua bellezza severa, da regina della notte, si era sformata in una maschera androgina, lo sguardo indurito in freddezza metallica.

Magari, pensavo, magari avesse trovato da risposarsi invece di farmi unico oggetto della sua dedizione, di tessermi intorno la tresca di un’assoluta sudditanza affettiva.

Aveva bisogno di qualcuno su cui provare ancora la sua autorità, di un altro da sottomettere, da distruggere come altro per continuare, lei, a esistere.”

 

Fausta Garavini  “Uffizio delle tenebre”  La Nave di Teseo

One thought on “Agenda Letteraria del 14 aprile 2020

  1. Avrebbe potuto, diceva, avere una vita differente – s’inventava una seconda vita con un secondo matrimonio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.