Agenda Letteraria del 25 aprile 2020

 

“È da ventiquattro anni e tredici giorni, che è successo.

È da ventiquattro anni e tredici giorni, che non ricordo niente, solo qualche lampo, un’esplosione di bianco e luce, poi più niente.

Pesci, neri, viscidi. Felci, fosforescenti, appiattite.

I capelli delle amiche di mia sorella, che ondeggiano su spalle nude nel muoversi delle teste, mentre cercano Summer, mentre gridano il suo nome.”

“Summer”  Monica Sabolo  La Nave di Teseo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.