“Mi resi conto che quella era una donna con cui mi sarebbe piaciuto ridere. Mi era successo una volta sola, tanti anni prima, di incontrarne un’altra. Non era finita bene. – Cosa ci vuole per essere un bravo poliziotto? –

La capacità di intuire i vizi segreti delle persone. È una cosa che hanno in pochi. –

E poi? –

E poi buonsenso, capacità di dubitare, senso dell’umorismo. – Senso dell’umorismo? – Già. –

Non capisco. –

Se ti prendi troppo sul serio, in questo lavoro, è finita. Si possono fare dei disastri che nemmeno immagini. –

Sei uno strano poliziotto.

Alzai le spalle.

 

“Non esiste saggezza” Gianrico Carofiglio Einaudi Stile Liberoca