Agenda Letteraria del 26 giugno 2020

 

 

“Ricordo le emozioni solo a parole. La mia vita mi ritorna in mente attraverso le immagini, gli odori, i suoni, ma mai attraverso i sentimenti. Io non provo niente.”

 

“Ballare è la cosa più vicina alla fede che abbia mai provato. La danza orientale, chi non la conosce la chiama danza del ventre, può sembrare una successione di movimenti controllati, orchestrati, ma è esattamente l’opposto. La nostra danza è caos, è anarchia. È l’antitesi del controllo. È rinunciare a controllare il corpo, lasciando autonomia a ogni osso, legamento, nervo e fibra muscolare. A ogni cellula di pelle e di grasso. A ogni organo.”

 

Contro un mondo senza amore  Susan Abulhawa  Feltrinelli Editore