Incipit di “Il blu delle rose” Tony Laudadio NNeditore

 

 

“L’estate viaggiava lenta e la popolazione imprecava contro l’umidità e le zanzare.

Allo stato delle cose, nel radioso futuro che, dopo tanta attesa, era finalmente arrivato, il genere umano non aveva trovato altra soluzione che rintanarsi dentro edifici frigorifero, nell’illusione di una fresca e costante primavera.

Chi non poteva permetterselo – un certo numero di poveri si ostinava a esistere – sopportava.

E imprecava.”