“La dea che è in te” Elizabeth Foley Beth Coates Sonzogno

“La dea che è in te”, pubblicato da Sonzogno, è un excursus nella mitologia femminile.

Nelle scelta c’è il desiderio di rivisitare con occhio critico, moderno e originale “stereotipi femminili che resistono dall’antichità fino ad oggi.”

Di Atena, “l’instancabile”, viene sottolineata l’intelligenza e la saggezza.

“In qualità di protettrice di Atene, nucleo originario della democrazia, la nostra dea è ancora vista come un simbolo di libertà politica e giustizia.”

Freia, protettrice dei viaggi, sa tenere a bada le forze della natura e ci insegna a infrangere le regole.

Oshun non si fa scrupoli nel volersi divertire e nel godersi la vita appieno.

In Africa è ancora venerata per il suo potere di guarire.

Inanna è sumera, ambiziosa, seduttrice, viene chiamata “Regina dei cieli.”

L’egiziana Bastet potrebbe guidare i nostri passi verso la solidarietà femminile.

“La Donna del Bisonte Bianco è una figura mitica, la cui storia è strettamente legata all’idea di rispetto su moltissimi livelli, da quello personale a quello comune, spirituale ed ecologico.”

Afrodite, Pachamana, Mazu, Rangda, Pele: ognuna ha una personalità forte, la capacità di imporre il proprio pensiero.

Elizabeth Foley e Beth Coates hanno fatto una ricerca accuratissima permettendoci di visitare antiche civiltà ed esplorare leggende sconosciute.

Il testo si può leggere con libertà passando da un capitolo all’altro, cercando caratterialità che ci rappresentano o provando ad imitare qualità che avevamo trascurato.

Un saggio colto, originale, ricco di informazioni.

Un invito a sentirci dee e ad esprimere le nostre potenzialità.