Recensione di @CasaLettori: “Tempi morti” Eleonora Danco Giulio Perrone Editore

Copertina Tempi Morti di Eleonora DancoTitolo: “Tempi morti”

Autore: Eleonora Danco

Casa Editrice: Giulio Perrone Editore

Collana:

Anno di pubblicazione: 2022

Recensione:

“Non mi hanno risposto al cellulare

Non mi hanno salutata

Non mi hanno vista dentro

Non mi hanno dato tempo.”

 

È la paralisi di fronte all’indifferenza, la voglia di ritrovarsi e riconoscersi in uno specchio, la rabbia urlata per

 

“Le voci

Le voci che sento svanite

Come i miei anni”.

 

L’inganno di facce tutte uguali, una fermata d’autobus, “cambi luce che rappresentano l’inconscio, un labirinto e poi un altro e un altro ancora”.

Attraversarli con la spavalda incoscienza di chi non ha nulla da perdere.

Sprofondare dentro uno scenario minimale, ricomporre scene familiari dove domina lo smarrimento e la confusa ricerca del fonema.

 

“Scrivo scrivo scrivo scrivo.

Arriva la notte io scrivo

Arriva il giorno io scrivo.

Mi butto sul letto

Mi rialzo

E scrivo.

 

C’è una cadenza strana nell’impostazione della frase.

Una cantilena, un vezzo letterario, la ripetitività dell’esistenza?

Credo sia un modo di prendere le distanze dalla parola, differenziare azione e pensiero, circoscrivere le emozioni.

“Tempi morti”, pubblicato da Giulio Perrone Editore, raccoglie la originale produzione teatrale di Eleonora Danco, donna eclettica, capace di sovvertire ogni regola stilistica.

La sua scrittura avvolge, stritola, invade, lascia impronte.

Leggerla significa vivere la dissociazione e la ricomposizione, la solitudine straniante, il tempo frenetico e insieme eterno.

I corpi come oggetti, gli oggetti come corpi e in questa mescolanza simbolica si esprime la grandezza di questa artista.

 

“La menzogna è un lavoro sporco di una società inerme

La menzogna non smetterà”

 

Dalla visione surreale alla quotidianità, dal dialetto alla compostezza dialettica, dall’urlo alla preghiera: un girotondo dove tutto è consentito.

Ci si sente attratti e contagiati da tanta creatività mentre il sipario continua ad alzarsi.

Lo spettacolo continua, si rappresenta la spietata inconsistenza di un orizzonte irraggiungibile.

Splendida la prefazione di Christian Raimo.

 

“Danco è sempre nello stesso posto, lí – al centro dello sguardo dello spettatore, da sola, vibratile e ferma – capace di una virtù incredibile: prenderci mentre stiamo sul fondo, farci sentire meno soli.”

 

Editore:

Sfoglia il Catalogo della casa editrice.

Autore:Foto dell'autrice Eleonora Danco

Eleonora Danco (Roma, 18 marzo 1981) è un’attrice, drammaturga, regista teatrale e regista cinematografica italiana.

Per il suo film d’esordio, N-Capace, è stata candidata al David di Donatello per il miglior regista esordiente, al Nastro d’argento al miglior regista esordiente e al Globo d’oro alla miglior opera prima. Ha ricevuto due menzioni speciali della giuria per miglior film e miglior cast d’insieme al Torino Film Festival, il Ciak d’oro “Bello & invisibile” e il premio Film della critica marzo 2015 del Sindacato critici cinematografici italiani.

 

Condividi questa recensione

Altre Recensioni di CasaLettori