“L’Anima” Adin Steinsaltz Giuntina

“Vi sono persone, che a quanto pare costituiscono soltanto una minoranza nell’insieme dell’umanità, in cui la manifestazione dell’anima è frequente, uniforme e ben visibile.

In questo tipo di individui essa è paragonabile all’attività cardiaca: li accompagna sempre e in ogni situazione, e nonostante non possa ovviamente essere del tutto uniforme, ad ogni modo presenta una stabilità di fondo.”

Come percepiamo l’anima?

Ne comprendiamo l’essenza?

Che relazione esiste con il tormento interiore?

“Accade sovente che le persone giungano a pensare alla propria anima unicamente in periodi di angustia, sia privata che generale.”

“L’anima”, pubblicato da Giuntina, è un viaggio di conoscenza, la sperimentazione dell’esistenza di qualcosa di immateriale.

La ricerca della realtà interiore liberandosi dai timori.

Una scommessa con sè stessi, il bisogno di esplorare anche quando il testo costringe a porci domande esistenziali.

Una provocazione che non si ferma ad una dotta analisi storica ma approfondisce, spiega, introduce il concetto di “intenzionalità interiore.”

“L’io non coincide né con il corpo né con l’anima, bensì è un’entità psicofisica.”

Un’entità terza, la “combinazione – unione di due entità che si manifestano in modo evidente nell’attività del pensiero più elevata.”

Adin Steinsaltz ha il pregio di trasformare il saggio in una chiacchierata, un confronto che permette al lettore di condividere o dissentire.

La lotta tra bene e male, l’egoismo, il sogno, il libero arbitrio, il soprannaturale, i progetti: una scacchiera che offre infinite occasioni di riflessione.

“Una certa parte della vita moderna é costruita al solo scopo di impedire all’individuo la possibilità di rimanere solo con sè stesso.”

Un invito a cercare il tempo per fermarsi ed interrogarsi lasciandosi cullare dalle parole: “Torna anima mia al tuo riposo.”