“Dizionario del bibliomane” Antonio Castronuovo Sellerio Editore

 

Vi propongo un gioco.

Leggendo “Dizionario del bibliomane”, pubblicato da Sellerio Editore, segnate su un quaderno i personaggi nei quali vi riconoscete.

Ne scoprirete delle belle e la cosa interessante che emergerà sarà una conoscenza del vostro Io più nascosto.

Dalla relazione che intrattenete con il libro riuscirete a far luce sui lati oscuri del vostro carattere.

Ma andiamo per gradi, vi anticipo che tentare una recensione di codesta meraviglia non è una passeggiata.

Tanto ci sarebbe da dire e infiniti i percorsi culturali da attraversare.

È un saggio intelligente, di quelli che vi faranno compagnia a lungo.

Che consulterete con la gioia di sapere che altri vivono il vostro stesso ardore.

In questo tempo in cui la parola scritta è diventata arrogante e prevaricatrice, accusatoria e violenta, trovare un’opera che fa intravedere un mondo articolato e critico è una grande conquista.

Troverete brani di autori noti e meno noti, aneddoti divertenti, riflessioni colte.

Un concentrato intenso della storia della letteratura mondiale ed ogni capitolo è già uno scrigno prezioso.

Conoscerete il notaio Antoine Marie Henri Boulard, vissuto a cavallo tra Sette e Ottocento, che accumulò dai seicentomila agli ottocentomila volumi.

Vi chiederete perchè Jacques Turgot “fece decorare il suo studio con scaffali finti e libri finti.”

Strana l’abitudine della fotografa americana Viviane Thérèse Maier che collocava i libri con il dorso rivolto verso il muro, impedendo ai visitatori di leggerne i titoli.

Stranezze, tic, manie in un viaggio curioso e divertente.

Antonio Castronuovo è geniale e adotta un metodo intrigante.

Suddivide le pagine in capitoli seguendo l’ordine alfabetico ed ogni lettera ha un titolo originale.

Librai, editori, antiquari, semplici appassionati: ci sono tutti ad arricchire questa passeggiata.

Sentirete l’odore meraviglioso della carta, apprezzerete edizioni rare e certamente vorrete trovare i testi che cita l’autore.

Da regalare anche e soprattutto a chi non ama leggere.

Vedrete che scatterà la scintilla.

Statene certi, è un esperimento che ho verificato.

Buon viaggio, amici.