“La voce di Orfeo” Célia Houdart Edizioni Clichy

“Una leggera vibrazione emanava dalle strade.

E le linee delle facciate si muovevano nella fontana.”

Disegni impercettibili di una poetica sommessa.

Varchi di luce appaiono come leggere carezze, entrano nella trama, creano suggestioni.

“La voce di Orfeo”, pubblicato da Edizioni Clichy, è la passione che non conosce ostacoli, il cuore accelerato e il sapore della giovinezza.

Gil è emblema di un cambiamento di stato, la dimostrazione che bisogna rincorrere i sogni.

Abita insieme al padre “in una vecchia drogheria. Un trilocale con corridoio e lavanderia.”

Luoghi stilizzati da dettagli che sembrano insignificanti ma permettono di osservare da lontano il nostro protagonista.

Imparare a conoscerlo mentre suona il piano, vive la magia di note che vengono rielaborate, sente che il corpo diventa tutt’uno con la musica.

Provare emozione nel sentirlo cantare, assistere al suo stupore per quella voce che può diventare una scommessa.

Célia Houdart ci fa percepire lo scricchiolio del bosco, il colore acceso dei campi “punteggiati di papaveri e fiordalisi.”

Crea una magia narrativa attraverso piccoli scorci di una stanza, lo sguardo di un professore, la stretta di un amico.

Parla di sentimenti con il tono rallentato di chi sta raccontando una favola moderna.

Un obiettivo e un traguardo e città che scorrono come cartoline.

Un canto salvifico per una madre che solo nell’ospedale psichiatrico trova pace.

L’ascolto del concerto del figlio è la Luce, è la Speranza, è l’Amore.

Un Orfeo che vola alto, rendendondo sublime lo sforzo dell’Uomo che in sè cerca potenzialità e le esalta, le esprime, le corteggia.

Ogni capitolo è attesa di qualcosa o qualcuno, promessa che solo nel finale verrà svelata.

Leggendo si ha la voglia di incontrare i personaggi, di sedere insieme in silenzio, di assaporare quell’aura di pace che regalano.

Un romanzo che sconfigge l’abbrutimento di chi non riesce più a costruire il proprio futuro.