“Dimmi che non può finire” Simona Sparaco Einaudi Stile Libero

 

“Dimmi che non può finire”, pubblicato da Einaudi Stile Libero, è una storia di rinascita e di speranza.

Nello sviluppo della trama assistiamo ad un graduale cambiamento emotivo della protagonista.

Amanda vive con la madre che dopo la fuga del padre non è riuscita ad uscire dal vortice di anaffettività e disinteresse.

“Il rapporto con mia madre era una mina vagante inesplosa sotto il pavimento della cucina, la mia vita sociale era pari a quella del senzatetto che dormiva sui gradini del supermercato, e proprio prima di Natale il parrucchiere degli studi televisivi, che tutti chiamavano artista, mi aveva fatto un taglio che persino le apprendiste cinesi di Piazza Vittorio avrebbero saputo realizzare meglio.”

La giovane nasconde un segreto che disorienta l’esistenza.

Presagi di fallimenti, sconfitte, delusioni affidate ai numeri.

Simona Sparaco con questa ingegnosa invenzione entra nell’universo matematico con spavanda genuinità.

Trasferisce la paura della perdita a un trasfert, dimostrando quanto la psiche abbia necessità di costruire alibi pur di celare il vuoto interiore.

“Il 10: la perfezione, che contiene la globalità dei principi universali.

Letto in chiave isoterica, indica il cambiamento che permette all’iniziato di evolvere e di elevarsi spiritualmente.”

La scrittrice destruttura la figura femminile e ne mostra con infinita umanità i solchi dolorosi di ciò che non si accetta.

Introducendo nella trama un bambino e il suo papà forza il gioco di un destino già scritto.

Sovverte quel senso di mistero che in ognuno di noi può assumere connotati frenanti.

Libera il suo personaggio da una pericolosa deriva e nel farlo offre al lettore sentieri da percorrere.

Basta un attimo, un gesto d’amore, una carezza, una parola che arriva al cuore.

“Potevo imparare a guardarmi con i loro occhi, e lasciare la mia tana una volta per tutte.

Ero pronta a incendiare la notte e anche il giorno.”

Credere con fermezza che si può invertire il pensiero finalmente pronti ad affidarsi e a fidarsi della gioia.