“Quaderno dei fari” Jazmina Barrera La Nuova Frontiera

 

“Quaderno dei fari”, pubblicato da La Nuova Frontiera e tradotto da Federica Niola, è una mappa del tesoro.

Ogni tappa compone la poetica di un luogo che da sempre ha avuto un ruolo simbolico.

“Vorrei trasformarmi in un faro: freddo, insensibile, solido, indifferente.

Quando vedo i fari, a volte mi pare davvero di potermi pietrificare e godere della pace assoluta delle rocce.”

Jazmina Barrera ci invita ad accompagnarla in un viaggio sentimentale e metaforico.

I suoi ricordi si mescolano alle voci degli autori che hanno sperimentato la sua stessa attrazione.

Da Stevenson a Virginia Woolf le pagine sono ricche di riferimenti letterari ed interpretazioni critiche.

“Vorrei scrivere un frammento al presente, in omaggio ai pochi guardiani dei fari rimasti, ma darebbe subito la sensazione di un presente immaginario.”

È interessante la necessità di cogliere nell’oggetto la relazione con lo spazio e con il tempo.

Già in Omero si parla di “torri accese” per segnalare un confine, scandire la distanza dal mare.

Immobilità e movimento diventano i due estremi da leggere come una diversità.

E da questa diversità si sviluppa un’empatia o forse un passaggio dell’incertezza alla certezza.

“Il mare attrae in lontananza, dietro le dune, con il suo suono.

Il faro chiama con la sua luce in mezzo alla bruma e alle maree.

Il mare è la supremazia della liquidità.

Il faro è incarnazione della solidità.”

Visitare con l’obiettivo di comprendere la propria solitudine, spezzare quel senso di spaesamento di fronte al pericolo di trasformarsi in naufragi.

Perduti senza rotta cerchiamo quella luce che rischiara le nostre tenebre mentali.

“Quale sarà l’ultima nave che giungerà in porto grazie alla luce di un faro?

Chi sarà l’ultimo guardiano del mondo?”

Mi piace immaginare che i fari “si illumineranno come templi o monumenti, in ricordo delle migliaia di persone che giacciono in fondo al mare.”

Una scrittura visiva, ricca di dettagli, un caleidoscopio di colori, sensazioni, emozioni.