“L’arrivo di una strana primavera” Franco Faggiani Fazi Editore

 

La scrittura di Franco Faggiani ha la capacità di trasmettere un senso di appagamento.

Si entra in uno stato di pace nella certezza che l’autore ci restituirà una visione limpida del mondo.

“L’arrivo di una strana primavera”, pubblicato da Fazi Editore, pur nelle similitudini con “La manutenzione dei sensi”, apre una visuale più ampia nella relazione tra uomo e natura.

Ritroviamo Leonardo Guerrieri con maggiore consapevolezza per quella scelta che ha cambiato tutto.

La montagna non è solo luogo di isolamento, è conquista di uno spazio interiore.

Capacità di rielaborare la morte della compagna, assunzione di responsabilità.

Ambientato durante la pandemia il libro non mostra l’orrore che ha riempito i nostri giorni.

Mette in scena la pietas, insegna ad ascoltare il dolore, ad affacciarsi in punta di piedi alle tragedie altrui.

Mostra che tutti abbiamo un nostro modo speciale di comunicare e offre alla malattia una voce diversa.

La voce di un pianto silenzioso, di un abbraccio che raccoglie molte più parole di quelle che ci assordano quotidianamente.

Confronta solitudine e isolamento con poche frasi.

Invita a rivedere i nostri modelli esistenziali affollati di gesti insensati, di corse verso il nulla.

Da leggere ascoltando i sussurri del vento e godendo del raggio di luce.