Marina Girardi (marinagirardi5) recensisce “Una donna spezzata” Simone De Beauvoir

Marina Girardi (marinagirardi5) recensisce “Una donna spezzata” Simone De Beauvoir

Tre racconti, protagoniste tre donne diverse tra loro che ad un certo punto della vita, alle soglie della vecchiaia, si trovano ad affrontare dolori, amarezze, sconfitte, paure.
Dipendenza emotiva in Monique moglie borghese, perfetta nel suo ruolo finché non scoprirà che il marito ha un’amante.
Mania di controllo e perfezione: è la madre di Philippe, scrittrice, donna di successo che constata con amarezza il fallimento del suo rapporto col figlio.
Mancanza di autostima, rabbia in Murielle devastata dal dolore per il suicidio della figlia adolescente, per i legami sentimentali falliti, per la perdita della custodia del secondo figlio.
Simone De Beauvoir affronta con acume e chiarezza tre vite pervase dalla solitudine regalandoci la speranza che è sempre possibile ricominciare.