“Mostri Favolosi” Alberto Manguel Vita e Pensiero

 

Leggendo “Mostri favolosi”, pubblicato da Vita e Pensiero, si torna bambini e si respira quel genuino stupore che le favole sapevano regalarci.

Riviviamo i sogni narrativi, quei sogni che ci hanno guidato permettendoci di costruire la nostra identità ed hanno definito la nostra cartografia mentale.

Gli amici letterari tornano a trovarci creando la misteriosa alchimia che trasforma l’immaginazione in realtà.

“Ogni personaggio immaginario è come Proteo, il dio del mare a cui Poseidone concesse la facoltà di assumere qualsiasi forma dell’universo.”

Nei momenti di sconforto o quando l’imprevisto ci travolgeva le avventure dei nostri amati libri erano una certezza, rappresentavano il porto sicuro.

Alberto Manguel ci concede il privilegio di riassaporare quei momenti di estasi.

Per ogni figura scelta compone una lettura critica che ci era sfuggita.

Cappuccetto Rosso è simbolo di disobbedienza civile, di ribellione alle parole della madre.

“Emblema della libertà individuale

Continua a vagare per i boschi, libera e per nulla intimorita da lupi ingannevoli.”

Alice nel paese delle Meraviglie ha costruito la vita come esperienza onirica, ci ha insegnato a credere nell’impossibile, ha aperto il varco dei labirinti ideativi.

Superman ci ha affascinato non solo per i suoi poteri magici.

In lui abbiamo apprezzato la sconfitta della vulnerabilità.

La bella addormentata racconta il tempo.

“Tempo perduto, tempo posticipato, tempo d’attesa, di sogno, di inesperienza.”

Il tiranno Banderas, Giobbe, Satana, l’ippogrifo, Giona: una giostra che gira vorticosamente e ci trascina.

Non opponiamiamo resistenza perché la scrittura di Manguel è pervasiva, complice, suadente.

In questo meraviglioso viaggio ci rendiamo conto che ogni uomo non è soltanto sé stesso ma nasconde infinite sfumature.

Basta cercarle e il nostro autore è il compagno ideale, il Maestro pronto non solo a narrare ma anche a svelarci i segreti di una trama.

Nelle riflessioni letterarie, negli accostamenti tra figure antitetiche, nelle osservazioni filosofiche è racchiuso un patrimonio interiore che nessuno potrà mai toglierci.

Ci attende paziente, basta scegliere nelle nostre librerie quella voce che saprà ancora una volta coccolarci, amarci, insegnarci.

E soprattutto educarci all’ascolto.