@NikeMicol propone una sua poesia

 

 

“Sentire la poesia gestarsi come vita dentro te

Una poesia incipiente assomiglia ad un feto nascente:
il fecondatore è il seme ispiratore,
viandante libero di attecchire in ogni luogo,
poligamo amatore nel mondo intero
a sua disposizione.

Il concepimento avviene
in un momento:
quando l’epifania riesce a farsi strada,
il ventre illuminato non può
che rimanere ingravidato.

La gestazione è l’elaborazione
dell’idea che cresce all’interno:
non è necessario che ciascun verso
raggiunga al nono mese
il proprio compimento.

La generazione è la messa al mondo
della suggestione venuta alla luce:
la maternità della composizione
è un possesso che permane
fino a che la vita si conduce.”