Parliamo di libri proposti dai lettori

 

Parliamo di libri proposti dai lettori a @CasaLettori

 

@lidiafera1975 propone:

“Il Cavaliere del Giglio” Carla Maria Russo Piemme Edizioni

La storia si svolge nel 1200, narra di Farinata degli Uberti, nobile ghibellino di Firenze in guerra con Siena, tra apparenti tregue, violenza, infiniti intrighi e storie romantiche.

 

@annalaura_tola propone:

“Middlemarch” George Eliot BUR Rizzoli

Pubblicato nel 1874 fu definito da Virginia Woolf “Un libro magnifico che, pur con tutte le sue imperfezioni, è uno dei pochi romanzi inglesi veramente per adulti”.

 

@BasowskyDocet propone:

“I vagabondi” Neal Cassady Oscar Mondadori

Autobiografia Beat e viaggio errabondo di un grande antieroe della letteratura OnTheRoad.

 

@101_Dalmata propone:

“Furore” John Steinbeck Libri Bompiani

1929 I Joad versando in condizioni pessime migrano alla ricerca di una vita migliore e dignitosa.

Tematica attuale, crudo, coinvolgente.

Parzialmente censurato nel 1940 dal regime fascista.

 

@VIOLA_MARTELLA propone:

“I Rondoni” Fernando Aramburu Guanda Editore

Narra la toccante storia del 55enne Toni, insegnante di filosofia.

 

@danisetta propone:

“L’inventore di storie” Charles Lewinsky SEM

La letteratura è saper raccontare bene una storia.

Nuovo editore, solita bravura di Lewinsky.

 

@Geppy80 propone:

“La licenza” Daniel Anselme Guanda Editore

Non ci sono trincee o soldati in battaglia, ma la guerra è lì, incombe sulla gioventù, le bombe riecheggiano in ogni parola e nella volontà dei parigini di non vedere oltre le divise.

 

 

 

 

Parliamo di libri proposti dai lettori il 6 Gennaio 2022

 

Parliamo di libri proposti dai lettori a @CasaLettori il 6 Gennaio 2022

 

@BarbaraAmodeo propone:

“La bastarda della Carolina” Dorothy Allison Minimum fax

“La White trash negli Usa, la povertà, la lotta delle donne e bambini contro abuso e violenza.

Bandito dalle scuole, S. King e la moglie Tabitha ne regalarono copie alle biblioteche del Maine.”

 

@Geppy80 propone:

“La sirena” Giuseppe Tomasi di Lampedusa Feltrinelli Editore

“Un racconto magico ed erotico ma anche una meditazione su amore e morte.

Il reale e il fantastico si intrecciano grazie alla figura che è archetipo del femminile.”

 

@guglielmofavu propone:

“L’inverno dei leoni” Stefania Auci Editrice Nord

“Nel romanzo svetta la magistrale ricostruzione di un’epoca, di una cultura.

Uno spaccato affascinante di un certo mondo, che è stato in grado di donare alla sua Sicilia un posto di spicco nel mondo.”

 

@101_Dalmata propone:

“Cecità” Josè Saramago Feltrinelli Editore

“L’animo umano messo a nudo da un’epidemia di cecità.

La legge del più forte edulcorata da gesti di umanità e improbabili amori.

Stile anticonvenzionale, lettura cruda e coinvolgente, tematica attuale.”

 

@POKI33847251 propone:

“La biblioteca dei sussurri” Desy Icardi Fazi Editore

“Un romanzo di formazione attraverso i libri, coinvolgente e magico, dove i suoni e i silenzi sono protagonisti di una favola affascinante.”

 

Complimenti a tutti 📚

Parliamo di libri proposti dai lettori 5 Gennaio 2022

 

Parliamo di libri proposti dai lettori a @CasaLettori 5 Gennaio 2022

 

@guglielmofavu propone:

 

“Lo straniero” Albert Camus

“Leggere Camus è imprescindibile, ti sta vicino nel momento del bisogno, non dà risposte ma ti invita a cercarle.

Ms forse qui c’è qualcosa in più.

Il distacco della realtà fa il paio con la scrittura asciutta, impersonale.”

 

@daniela_mauceri propone:

“La corrispondenza” Giuseppe Tornatore Sellerio Editore

“Un amore oltre i confini del tempo, irruento come correnti nascoste dal lago.”

 

@LisiNovella propone:

“Icaro, il volo su Roma” Giovanni Grasso Rizzoli Editore

“Storia di un amore travolgente, ma soprattutto storia di eroismo di un giovane che sceglie di morire per la Libertà.”

 

@AbbateCaterina propone:

“Ne usciremo migliori ma… Mauro Biani Repubblica

“Mauro Biani offre una sintesi per immagini di ciò che abbiamo vissuto al tempo della pandemia, incisiva e tanto, troppo amara.

Soprattutto per quelle figure algide e cinime della nostra classe dirigente.”

 

Complimenti a tutti 📚

Parliamo di libri proposti dai lettori 4 Gennaio 2022

 

Parliamo di libri proposti dai lettori 4 Gennaio 2022

 

@Ro_Berta_42 propone:

“Il pastore d’Islanda” Gunnar Gunnarsson Iperborea

“Nella sua semplicità evocativa, un racconto che diventa parabola universale sui valori essenziali dell’uomo, un inno alla comunione tra tutti gli esseri viventi e la Natura”

 

@Laura_Simonazzi propone:

“L’elenco telefonico degli accolli” Zero Calcare Baopublishing

“Protagonista di questa raccolta il demone dei nostri tempi: essere sempre connessi.

Fa ridere, ma anche riflettere su se stessi e il proprio “cammino sulle uova”.

 

@ciroizzo3 propone:

“Guerra digitale” Francesca e Luca Balestrieri Luiss

“Adesso è l’insieme dell’economia digitale a generare le potenzialità tecnologiche e le basi industriali.

Forzando un pò, si potrebbe dire che tutto il mondo digitale è potenzialmente un asset militare.”

 

@tafudany1 propone:

“Patria” Fernando Aramburu Guanda Editore

“Due famiglie vivono in un paesino basco: il capofamiglia di una verrà assassinato in un attentato dell’Eta, nelle cui fila milita il primogenito dell’altra.

Con uno stile personalissimo Aramburu racconta la forza distruttiva del fanatismo.”

 

@PoKi33847251 propone:

“Le vergini” Alex Michaelides Einaudi Stile Libero

“Un thriller psicologico, un noir ben congegnato, con atmosfere gotiche.

L’autore riesce a confonderci e a sviare la nostra attenzione, tenendosi col fiato sospeso fino all’ultimo.”

 

@patchonki propone:

“Sempre tornare” Daniele Mencarelli Libri Mondadori

“Un racconto di un viaggio che sembra prosa ma è poesia pura, parola dopo parola!

Emozionante.”

Grazie a tutti e complimenti 📚

Parliamo di libri proposti dai lettori 3 gennaio 2022

Parliamo di libri proposti dai lettori

 

@ciroizzo3 propone:

“Sotto le ciglia chissà” Fabrizio De André Libri Mondadori

“Una serie di appunti, ricordi,
detti popolari genovesi e tanto altro che il “poeta” De André custodiva.
Appunti diventati genesi delle sue canzoni.”

 

@rossanagiuda propone:

“Tokyo tutto l’anno” Laura Imai Messina Einaudi Editore

“offre pagine di curiosità e tradizioni del mondo nipponico scandite mese dopo mese.
Una lettura ideale, soprattutto al principio di un nuovo anno, per sentirsi parte di un mondo apparentemente lontano.”

 

@POki33847251 propone:

“I rondoni” Fernando Aramburu Guanda Editore

“Un libro bellissimo,in cui il protagonista e il suo cane attraversano Madrid e la vita con malinconica ironia e disincanto,insieme a personaggi insoliti e indimenticabili.”

 

@tafudany1 propone:

“Mastro Geppetto” Fabio Stassi Sellerio Editore

“È una storia da un soldo, e la conoscono tutti, ma sulle montagne degli Appennini c’è ancora qualche vecchio che sa com’è andata per davvero.”

 

@MinervaArmata propone:

“Caravaggio Vermeer L’ombra e la luce” Claudio Strinati Einaudi Stile Libero

“Due artisti che vissero il periodo Barocco restando fuori da qualsiasi definizione scolastica.
Utilizzano lo stesso linguaggio ma declinandolo in antitesi: il figlio della notte e il figlio del giorno uniti dall’ammirazione dei moderni.”

 

@rictavani propone:

“In viaggio con Gianni, Celati” Paolo Morelli Tic Edizioni

“Tre giorni di diario fallito e un racconto funambolico che s’impreziosiscono dell’eco di vent’anni di ombra e silenzio che li ha custoditi fino a oggi per il piacere di letture insolite.”

 

@GerberArancio propone:

Haruki Murakami, “1Q84”  Einaudi Editore

“Un viaggio all’interno dell’anima dei personaggi…
Un percorso all’interno di se stessi…
Intreccio tra amore e destino… “

 

@iirpo propone:

“Per un’altra strada” Mimmo Muolo Edizioni Paoline

“…solo perché adatto a questi giorni, e perché spiega come l’uomo possa cambiare nel suo percorso di vita… “

Grazie a tutti 📚

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parliamo di libri per bambini e ragazzi firmati Dalia Edizioni

 

 

“Quale mondo giaccia al di là di questo mare non so,

ma ogni mare ha una sua riva, e arriverò.”

Le parole di Cesare Pavese scelte come esergo di “Arturo e Nadir” rappresenta Dalia Edizioni.

Una casa editrice che ha puntato sulla letteratura per l’infanzia con l’obiettivo di educare a saper leggere il presente.

Libri di formazione che partendo da storie semplici aiutano a crescere senza pregiudizi.

Ad accogliere l’altro con gioia e curiosità.

Roberta Argenti trova il linguaggio del cuore.

Le stelle possono trasformarsi in sentieri di pace, il mare accoglie le voci innocenti ed esaudisce desideri.

Le illustrazioni di Andrea Camič hanno i colori sfolgoranti della speranza.

Il racconto di Giulia Ceccarini, intitolato “Il mio superpotere è la gentilezza”, è una carezza anche per gli adulti.

Nonno e nipote tra i colori della Natura.

È il mistero della vita di un giardino, di un piccolo fiore.

Un invito a rispettare l’ambiente, a sentirlo parte del nostro quotidiano.

A piantare un piccolo seme aspettando il germoglio che è augurio di un nuovo inizio.

Per i più grandi suggerisco “Benni Celestina e il 2° primo giorno di scuola” scritto da Patrizia Fortunati e illustrato da Roberta Procacci.

La collana si chiama “Gli spericolati” e credo che sia un invito a non perdere mai la voglia di sorridere e di scoprire.

Forse anche la scuola nasconde sorprese.

Lasciate ai vostri ragazzi il piacere di sfogliare il catalogo Dalia e di scegliere la storia che certamente saprà conquistarli.

 

 

Con @CasaLettori visitiamo @DaliaEdizioni

 

 

@DaliaEdizioni nasce a Terni nel 2014 con obiettivo di esplorarare  itinerari narrativi cercando di scoprire il mondo attraverso lo sguardo attento verso nuovi orizzonti.

La collana dedicata alla Narrativa offre un panorama del presente cogliendo le conflittualità e le sfide.

Suggerisco di leggere “Tante piccole cose”, finalista al Premio Calvino, perchè mostrando il lato oscuro della psiche e nella follia omicida del protagonista coglie il disorientamento di una società che non riesce a riempire le solitudini e gli affanni dell’uomo comune.

Chi è veramente Daniele Masala e perché uccide a sangue freddo la famiglia?

Come lo raccontano coloro che lo hanno conosciuto?

“Non era un ragazzo che sembrava cattivo”.

Si profila un identikit infarcito di pettegolezzi, ricordi frammentari e tanta indifferenza.

Sullo sfondo una Sardegna frastagliata, come assente.

Un non luogo come tanti dove ognuno continua a recitare la sua parte, a fare ipotesi strampalate su “una tragedia” inaspettata.

A scuotere solo le parole dell’omicida.

“Da ragazzino ero facilmente incline all’illusione e quindi alla conseguente delusione.

Solo che non ero capace di fare in altra maniera.

Crescendo sono cambiato e negli ultimi anni ho cercato di farmi scivolare tutto addosso.”

Ma la rabbia cova ed esplode insieme allo squallore di una quotidianità senza sogni.

Stefano Etzi  nell’asprezza della scrittura trascina fino ad un finale molto scenico.

Segreti e intrighi sono pilastri portanti di “Qui non piove mai” di Claire Arnot, francesce trapiantata in Italia.

Il romanzo sa coniugare le vicende dei personaggi ad una Natura che sa essere compresente nella trama.

Il borgo di Montiano è sincretica rappresentazione degli estremi: bene e male narrati senza filtri.

La narrativa per ragazzi è molto curata, belle le copertine, intriganti le storie, deliziosi i disegni.

Tra i tanti titoli “Slò la magia della lentezza” è una favola dolcissima che invita ad affrontare le avversità facendo squadra e la famiglia diventa nucleo affettivo che protegge e coccola.

Le “guide fantastiche” sono divertenti esperimenti creativi per i giovani lettori che si troveranno impegnati a viaggiare nelle citta d’arte in compagnia di spassosi ed esuberanti compagni.

Vi invito a visitare il sito dei Dalia, sfogliatelo con attenzione, certamente troverete il libro che parla solo a voi.

Buone letture e alla prossima.

 

 

 

 

 

@ElisabettaBen76 presenta il suo romanzo “I gatti vedono meglio al buio”

@ElisabettaBen76 presenta il suo romanzo “I gatti vedono meglio al buio”

 

 

 

“Una sequenza di omicidi ferisce Trieste. Le indagini si scontrano con la spietata normalità delle vittime, così banali da apparire incolpevoli.
Su uno sfondo costellato da antitesi e opposti che si completano (piccolo/grande, maschio/femmina, vita/morte, ordine e caos), si muovono personaggi variegati e umanissimi: un barbone, un mercenario, un cieco che fotografa il mondo senza vederlo, un pazzo che conta le facce, una pittrice che dipinge la morte e adolescenti in bilico tra mondo virtuale e mondo reale, sovente impotenti e arrabbiati davanti alle scelte di vita degli adulti.
Guidati dai loro sensi primari, i personaggi vagano alla ricerca di direzione e di punti di riferimento, in un gioco dove la bellezza viene messa in discussione e la parte femminile e maschile del mondo si confondono e completano. All’ombra di una città bellissima e troppe volte ferita dalla storia, nel frattempo si muove un killer che rappresenta e incarna l’illusorietà delle apparenze, vive ed agisce in base ad una presunzione di conoscenza, interiorizzando e rendendo proprie le motivazioni e la rabbia altrui.
Tra dettagli rumorosi che rubano la visione d’insieme, un manipolo di avatar, nascosto dietro ad uno schermo, tace ma giudica sul social network artigianale “Ckaos”.
Il commissario Bessi, metà dei suoi quarantacinque anni spesi in polizia, è abituato ad usare sguardo, domande e silenzi come coltellate investigative, eppure fatica a risolvere il rebus delittuoso triestino. Avido solitario, si rimprovera un paio d’occhi troppo tarati sui dettagli e due baffetti sbagliati per la sua faccia. Ordinatissimo in cuore e cervello, riconosce e giudica il disordine d’animo altrui e le infinite commedie recitate da testimoni, indiziati e persino vittime. Detesta il web come moltiplicatore di vite e storie, eppure lo sfrutta come impietoso rivelatore di micro-verità. Per divertirsi, provoca e osserva le reazioni della gente all’inaspettato, per questo guida una vetusta Ford Taunus gialla… anzi, “d’epoca” e color “Sahara beige”.
Per trovare indizi, il commissario stavolta dovrà ripudiare i dettagli più sofisticati e inoltrarsi nel luogo più scomodo, grezzo e inospitale che esista: l’animo umano”.

Con @CasaLettori visitiamo 8ttoEdizioni

 

 

Provate a tracciare un 8 senza mai staccare la matita dal foglio.

Avrete “il simbolo perfetto dell’infinito”.

È questo l’ambizioso progetto di 8ttoEdizioni: proporre una letteratura senza confini, uno spazio aperto dove quello che conta è la qualità delle proposte.

La ricerca di più identità unite dalla voglia di raccontare il presente attraverso l’individuo.

Voci originali che nella sperimentazione di linguaggi misti prospettano una visione di cambiamento.

Un cammino che non ha paura di sfidare il nuovo.

Alessandra Barbero, Cristina Cigognini, Manola Mendolicchio e Benedetta Vassallo sono le fondatrici, donne coraggiose, unite dalla passione per la dinamicità della parola scritta.

Si definiscono “viaggiatrici nel corpo e nella mente” e nei loro libri traspare l’idea di viaggio da e verso.

Credono nel rapporto d’amore con il lettore, spinte dall’idea che chi legge cerca se stesso negli altri.

Attente alle proposte della letteratura anglofona, si rivolgono direttamente agli editori inglesi indipendenti.

Credono nella forma breve perchè il buon racconto concentra e circoscrive un mondo in miniatura.

Dalla miniatura si può arrivare al dettaglio, al fonema, alla cura della sintassi.

“Tre amici, una spiaggia, un registratore. La prima reality novel è servita”: Talk” diLinda Rosenkrantz

è un dialogo accelerato, un’alternativa al descrittivo.

Non ci sono tabù o zone d’ombra: è la libertà d’espressione, l’inno all’amicizia, lo scardinamento di ogni finzione.

Si può accettare la vecchiaia con brio? Vi invito a seguire “Lilian Boxfish si fa un giro” di Kathleen Rooney.

Un viaggio appassionato, sentimentale attraverso un’America che si evolve.

Indicato “per chi pensa che una grande città sia il rifugio in cui potersi nascondere, e desidera condividerne la mappa con tutti coloro che abbiano voglia di rimettersi in gioco.”

Suggerisco di sfogliare il Catalogo se avete voglia di percorsi alternativi.

Alla prossima e mi raccomando, non smettete di sognare.

Con @CasaLettori visitiamo 66thand2nd

 

 

Un nome originale, 66thand2nd, che vuole essere un omaggio a New York.

Sfogliando il ricco Catalogo della Casa Editrice, nata a Roma nel 2008, si nota l’attenzione “ai fermenti letterari della narrativa angloamericana”

Tante Collane a segnare un percorso  che non trascura la contemporaneità negli snodi fondamentali di una prospettiva globale.

Bazar “accoglie romanzi e testimonianze di scrittori di ogni parte del mondo”.

La difficoltà di integrarsi, il bisogno di non perdere la propria identità, il racconto di tradizioni e leggende in un viaggio “coraggioso e straordinario in giro per il mondo.”

Dal Congo di “Le cicogne sono immortali” di Alain Mabanckou alle baracche di Kampala, capitale ugandese in “Kintu” di Jennifer Nansubuga Makumbi alla Romania degli anni 80 in  “Figli del diavolo” di Liliana Lazar: solo alcune delle proposte che permetteranno al lettore di addentrarsi in mondi sconosciuti.

“Attese” offre una lettura alternativa dello sport, dove quello che conta è il sogno di confrontarsi con se stessi.

“B – Polar è l’ultima nata ed è una miscellanea di noir e poliziesco.

Di “Bookclub” suggerisco di leggere tutto perchè in ogni testo si intrecciano riflessione e sperimentazione.

Ho scelto due novità che nella diversità di tematiche sono gioielli narrativi.

“Vincere a Roma” di Sylvain Coher narra l’impresa epica di Abele Bikala, che vince l’oro olimpico  nel 1960.

“I centesimi si sbranano e strabordano.

La corsa è una successione di eventi che si ripetono identici secondo le nostre debolezze, le nostre caparbietà.

Corro verso un Dio immobile.

Roma è soltanto la scenografia per la mia vittoria.”

La voce di un uomo che nello sforzo fisico esprime la forza interiore del suo popolo.

“Mi toccherà dire al mondo che la gente del mio paese ha sempre vinto con eroismo e determinazione.”

“I più grandi” di Sylvain Prudhomme è l’esplosione del dolore, la libertà di mostrarsi fragili.

Il ricordi di un passato che nessuno potrà cancellare, la furia di un amore carnale, “la notte gonfia di carezze”, l’arrogante ricchezza dell’Europa mentre la musica fa da controcanto.

Stile, raffinatezza grafica, eleganza delle copertine, traduzioni inpeccabili, scelta di autori esordienti che riescono a comunicare emozioni, voglia di non fermarsi a guardare il mondo da un’unica prospettiva: un’editore da scoprire e fidatevi, non lo abbandonerete più.

Alla prossima e buone letture 💝