“La casa dei Gunner” Rebecca Kauffman SUR

 

 

Un’amicizia nata con la spontanea esigenza dell’infanzia di condividere lo stesso pezzo di cielo.

Sei bambini riescono a costruire un loro mondo e leggendo “La casa dei Gunner” ne sentiamo le risate, i bisbigli, le parole sussurrate.

Assistiamo alla loro crescita e al cambiamento. Qualcosa si frantuma perchè una nube ha offuscato l’innocenza.

Sally si allontana dal gruppo senza un motivo e quel silenzio, quell’assenza creano il vuoto.

Ognuno ha bisogno di sperimentare se stesso, di superare in fretta l’adolescenza.

A distanza di anni, alla morte di colei che per prima ha saltato il fosso ed è entrata in un tempo diverso, i 5 adulti si riincontrano.

È tempo di comprendere e svelare, di affrontare il passato a viso aperto.

Un fiume di parole e di storie si intrecciano ed é come se i labirinti dove nascondersi crollino tutti insieme.

È l’abbandono di ogni difesa, di ogni pudore.

È l’unione che si consacra sull’altare di verità scomode.

Su tutti pesa il senso di colpa per quello che si è stati, per le frasi non dette.

Si scopre una sotterranea rete di segreti e nella concitatata necessità di confidarsi si esprime la vera amicizia.

Quella che non ha bisogno di conferme quotidiane perchè ha radici profonde.

Rebecca Kauffman scrive un romanzo a più voci con un’intensità lirica a volte straziante.

Riesce con la scrittura che sa cambiare di tonalità a registrare anche i pensieri più intimi.

Sappiamo che ci condurrà negli spazi desolati della solitudine, ci farà assaporare la paura di crescere, ci farà percepire i tanti strati interiori dei suoi personaggi.

Tutti indimenticabili  perchè veri, capaci di accettare gli errori, pronti a mettersi in discussione.

Generosi, sensibili, doloranti, uniti dal senso di fraternità.

Di ognuno di loro resta l’eco di una riflessione o di una confessione perché è a noi lettori che si rivolgono e le loro vite sono la testimonianza di un percorso di consapevolezza dal quale nessuno può sottrarsi.