Angolo Poetico “Il sangue amaro” Valerio Magrelli Einaudi Editore

 

 

“Musica, musica, che vuoi da me?

Che corpo sta formandosi lungo la tua catena di molecole?

Che traccia sto seguendo

mentre vado dietro le note

come dietro briciole lasciate da qualcuno

per ritornare a casa?

A quale casa mi fai ritornare?”

 

 

“Parlo da qui, voce reclusa nel buio tra forme colorate,

ma immobili per sempre come l’ultimo alito della nostra pronuncia.”

 

“Dov’è la libertà, se la malinconia raccoglie le sue nuvole

senza nessun perché?

 

Sto qui e subisco il loro lento transito

solo aspettando all’ombra di me stesso.”